About ‘Chasing Beauty’

Adrian Pallant

This last recodring from Italian guitarist and composer Francesco Lo Castro presents a sequence of twelve originals which weave together qualities of jazz, ambience and soundtrack.

Lo Castro is clearly an accomplished musician, surrounding himself here with instrumentalists who, together, are able to illuminate the delicacy of his writing and playing. I have been listening to ‘Chasing Beauty’ for some time and have warmed to its gentle guitar-led positivity and charm which, Lo Castro explains, seeks to reflect beauty as “an idea, a feeling that we might never fully understand but which is worth chasing”.

Opening number Dresden immediately identifies the album’s sanguine outlook, Lo Castro’s pin-sharp melodies partnered by Dora Maria’s violin, scurrying along above a wash of guitar effects, Saverio Gerardi’s rhythmic impetus and Noa Bodner’s backing vocals. A son’s tribute, Father, takes a simple folksong-like guitar tune and develops it into a quietly buoyant hymn of gratitude (not unlike the movie scoring of Mark Knopfler), Fulvio Sigurta’s mellow trumpet enhancing Lo Castro’s tender lead. With percussion, shimmering guitar effects and Joe Fowler’s lithe, soft-toned flute, Sahara migREviewht easily evoke the shifting sands of North Africa – an amiable and bright musical journey; and As It Is hints again at Lo Castro’s ear for soundtrack – delightful harmonica and vocals from Bodner, and muted flugel reminiscent of Paolo Fresu.

The exquisite Love speaks briefly and romantically, leading to May 2011, an infectiously cheery and folksy outing (Lo Castro’s style sounding remarkably similar to that of Frode Alnaes) and Maurizio Minardi adds characteristic accordion. Gentle bossa If I perpetuates the feel-good, as does the vocally introduced Embrace and the perhaps more mysterious Dark Smiles. Carefree and ‘lazy, hazy’ Bunch of Houses and Wonderful Memories is a short, sweet miniature (Minardi on sax) followed by the serenely wistful flute melody of Nino and DuniaPeter Pan closes the set in upbeat theme-tune fashion, its catchy electric lead melody and general exuberance (not to mention Lo Castro’s dexterity) a real pleasure.

Amongst the numerous albums which arrive at my door for review, the majority are generally ‘boundary pushers’. But ‘Chasing Beauty’ is different… and pleasingly so, for its unashamed honesty, high spirits and (simply) an ear for a good tune. Beat the ‘January blues’ with Francesco Lo Castro’s own brand of optimism!

Brief thoughts, album review: ‘Chasing Beauty’

Mary James – Only Jazz

There was an aphorism from the First World War, “Don’t judge a man by his umbrella, it may not be his”.   But I think you can judge the quality of a musician’s work by the company he keeps on an album.  The guitarist and composer Francesco Lo Castro has surrounded himself with some very fine musicians on Chasing Beauty.   This heartfelt album of self compositions contains some lovely Miles-ish cameos for Fulvio Sigurta on trumpet (or flugelhorn) in As it is and for Maurizio Minardi on accordion.  The title refers to the worthwhile activity of seeking beauty in the mundane as well as the perfect. There are affectionate, jaunty, pictures of places, people and times past. It is not introspective, it demonstrates an attractive openness.  It is a perfect album for relaxation, calming and gentle.  I can easily imagine it being played in cafes in Europe.  But listen a bit deeper and you will spot gems such as Joe Fowler’s haunting flute on Nino and Dunia which paints a serene portrait of two friends, and the very lovely accordion of Maurizio Minardi on the upbeat May 2011.   There is no doubting Francesco’s prowess on both acoustic and electric guitar, the subtle shades and tempos are memorable.  His tunes, such as Sahara with its rocking motion like a camel, and Dresden with its arresting opening,  have a habit of sticking in your mind very quickly, and that’s no bad thing.
Original articlehttp://onlyjazzblog.com/2013/09/24/brief-thoughts-album-review-francesco-lo-castro-chasing-beauty-released-oct-2013/

JAZZ CONVENTION 

Scritto da Enza Moscaritolo

È un disco che conquista al primo ascolto While we Hope and Dream, l’ultimo nato della giovane etichetta londinese Flocastro Records. Un trio di virtuosi che mette in luce abilità tecniche senza strafare è quello composto da Eric De Fade, al sax e al flauto, Tony De Paolis al contrabbasso, e Francesco Lo Castro alla chitarra, che ha intrapreso anche la strada della produzione.
Foggiano, ma ormai trapiantato a Londra da una dozzina d’anni, Lo Castro ha messo insieme questo ensemble grazie all’amicizia di Patrizio Buanne che li ha fatti conoscere. Pur partendo da differenti background, i tre musicisti hanno dialogato a lungo – e non solo musicalmente – per mettere insieme questo progetto di jazz contemporaneo. Otto tracce inedite ed una suggestiva interpretazione di I’ te vurria vasà del celebre Di Capua compongono la track list. Un lavoro di qualità che emerge dall’interplay dei tre artisti, serrato, senza sovrapposizioni, né voglia di primeggiare; dalla notevole capacità evocativa dei fraseggi cristallini dei fiati di De Fade, tra le altre cose vincitore di un Emmy; dall’intensa espressività di De Paolis – ampiamente apprezzato negli USA – che conferisce struttura e solidità; dalla freschezza e dalla creatività di Lo Castro.
While we Hope and Dream è un lavoro gradevole, con sonorità che strizzano talvolta l’occhio a qualche cliché di ambientazione mediterranea, senza tuttavia cadere in quegli stereotipi oggi tanto di moda. Il primo singolo, che dà anche il nome all’album, è un invito a ciascuno a ritagliarsi una pausa dalla frenesia quotidiana, per coltivare quello spazio di speranza e di sogno che è dentro ognuno di noi. Buona la prova De Fade al flauto in No reason why, pronto a cimentarsi con le atmosfere di bossanova: l’ultima traccia Joe Pass & Jim Hall è un omaggio appassionato alle radici comuni e al comune sentire dei tre artisti, in particolare di Lo Castro, cresciuto ascoltando i mostri sacri della chitarra jazz.

Review about ‘While we hope and dream’

By Rich Railore

Released on Flocastro Records in November, While We Hope And Dream is the third album on which Francesco Lo Castro appears this year, in a joint project with Eric De Fade and Tony De Paolis this time.
For the superficial listener, it might seem easy enough to dismiss While We Hope And Dream as yet another smooth jazz album, but hang on a minute. Lo Castro is no kind of lightweight guitarist, and De Fade is a heavyweight sax and flute player by anyone’s standards with an enviable track record and line of credits, while bassist De Paolis is not exactly a lightweight either and fast making a name for himself on the Philly and East Coast scene.
Listen properly, and you’ll also realise that the improvs here are far too heavyweight for smooth jazz – not that I would dismiss smooth jazz entirely out of hand, mind. It certainly has had its excellent exponents, particularly from the Philly scene, such as Grover Washington, Jr., to name but perhaps its finest. But While We Hope And Dream goes further, deeper than this.
The compositions, all originals by the three collaborators, bar one, are solid, with a firm emphasis on melody throughout. Indeed, the emphasis throughout is on melody, including in the excellent improvs all round, and Lo Castro’s Italianate style in particular ensures a laid-back Mediterranean flavour.
While We Hope And Dream firmly says, slow down, chill a little, dream a little, take a break from the frenzy of modern life, even from the often frenetic pace of much of contemporary jazz and the sometimes near-masturbatory frenzy of solos. Hope and dream a little yourself while you follow the journey. Just go with the flow. A kind of musical spliff if you like, but without side effects and perfectly legal.
The playing and musicianship all round are outstanding, whether in ensemble or solos. De Fade’s flute especially is the perfect complement to Lo Castro’s guitar, or vice versa, depending on one’s point of view.
Totally consistent throughout, While We Hope And Dream is more than merely compelling, its charm and beauty keeping one spellbound. Just relax and dream a little dream.
Francesco Lo Castro, Eric De Fade & Tony De Paolis’ While We Hope And Dream should be a must have for any contemporary jazz lover and surely has much wider appeal beyond that.
© 2012 Rainlore’s World of Music/Rainlore. All rights reserved.

Pisa-Ex Wide

Joseph F. Pagano, Roberta Russo-Radio Eco

Esiste un’intera generazione di musicisti italiani che è riuscita a trovare ampia fama all’estero, un po’ come i ricercatori, ma con una voglia di viaggiare certamente più compulsiva rispetto agli scienziati, e una voglia di sperimentare certamente non seconda alle intelligenze matematiche.

1013851_447515918710224_828905456_n Ed è così che ritroviamo in giro per l’Europa e per gli States, un talento come quello di Francesco Lo Castro, con la sua chitarra, al  servizio di una voglia continua di reinventarsi. Perché di questo si tratta se un giovane aspirante manager, con solidi studi di marketing  alle spalle, dopo i 25 anni si lascia prendere dalla vocazione del jazz (pare dopo l’ascolto dell’incredibile live del trio Di Meola-McLauglin-  De Lucia, ovvero Friday Night in San Francisco). Lo Castro si avvia perciò a tappe serrate verso una brillante carriera musicale che  prende avvio proprio in UK, con gli studi alla Thames Valley University (London). Da li in poi il percorso di affinamento delle sue abilità  musicali non si è mai fermato, e si è accompagnato con tanti premi e riconoscimento, e ben quattro ottimi album alle spalle.

Lo abbiamo ascoltato e conosciuto con piacere all’Ex Wide di Pisa, nell’ambito della rassegna “Jazz Wide Young 2014“,  accompagnato da Fulvio Sigurtà alla tromba, eNino Pellegrini al contrabbasso. Fulvio Sigurtà è un trombettista che proviene da una  formazione classica, ma che si è interessato abbastanza precocemente allo ska e al jazz. E proprio dal jazz si è dispiegato il suo talento, che  ha avuto modo di trovare terreno fertile in Inghilterra. L’interplay con l’amico-collega Lo Castro è perfetta, sintomo di una conoscenza  solida tra i due musicisti, e nel concerto pisano il tocco di Sigurtà è stato decisivo per conferire un registro molto vellutato ed  evocativo ai pezzi, grazie anche all’uso di un microfono con riverbero alla tromba.

1619162_10151846554870950_1343308541_n

Necessario al trio è stato anche l’apporto di Nino Pellegrini, che ormai conosciamo e apprezziamo da tempo sulla scena tirrenica toscana, il quale è riuscito a ritagliarsi degli spazi di calda intensità espressiva grazie a un uso del contrabbasso misurato, mai prevaricante.

I pezzi in repertorio appartengono tutti alla produzione di Lo Castro, e sono estratti da tutta la produzione discografica del chitarrista foggiano. L’esordio è affidato aAnd Then There Was You che serve a mettere le carte in tavola e ad alimentare la fame d’ascolto per i brani successivi. Quando Lo Castro prende la parola rivela un accento che risente della lunga permanenza sotto le coltri inglesi, un po’ come accade alla sua musica, che mescola armonici americani con la cantabilità tipica dell’Italia, non senza l’esibizione di chiare ascendenze latine sospese su un ponte tra Mediterraneo e America del Sud. Non rinnega perciò le proprie origini il jazz di Lo Castro, per quanto l’uso della melodia non arriva mai ad intaccare le capacità d’improvvisazione di ogni elemento del trio.

DSCN7278(1) Nell’ascolto salta all’orecchio la poeticità straordinaria di un pezzo come Father,  tratto dall’albumChasing Beauty, che riesce a strappare quasi una nota di  commozione. E un brano come questo sicuramente entrerà a far parte delle nostre  playlist. Anche se forse mi pento di non aver fatto una registrazione improvvisata del brano, perché nella sua versione live è riuscita ad  essere ancora più intensa di quella in studio.

Una nuova carica di eleganza, fascino, cura del dettaglio, arriva con la crepuscolare London Night. Ma la natura notturna ricompare  ancora in By Candlelight e Song for Paul. C’è una coerenza ben udibile nelle opere di Lo Castro, per quanto appartengano a periodi  differenti. E l’ausilio di una tromba con riverbero porta non poche volte alla memoria le grandi incisioni dell’ECM.

Ci troviamo d’accordo con quanto aveva detto Lo Castro ad apertura del concerto: la melodia e la musicalità noi italiani ce l’abbiamo nel  sangue; sarà per questo, aggiungiamo noi, che la sua musica arriva diretta al cuore. E noi che non siamo gelosi di queste belle impressioni  che abbiamo provato, faremo in modo di farvi ascoltare nelle nostre playlist il tocco delicato e coinvolgente della chitarra di Francesco Lo Castro.

Bari – Musa – Puglia Live

Gianfranco Morisco

Ci sono numerosi musicisti italiani che vivono e operano all’estero dove con fatica e sudore si sono ritagliati una fetta di popolarità. E’ il solito fenomeno dell’emigrazione, ma anche della fuga dei cervelli, che sancisce l’antico adagio del “nemo propheta in patria”.

Ma, una volta raggiunta l’affermazione e realizzati i progetti, rimane una sorta di amaro in bocca per essere rimasti sconosciuti in patria. Alla base non c’è nostalgia nè rimpianto, ma essenzialmente il bisogno di un confronto a distanza di tempo con la realtà dalla quale si è fuggiti.

La premessa è servita a introdurre la figura di Francesco Lo Castro, un chitarrista di adozione foggiana e di  origini campane. Terminati gli studi universitari e iscrittosi a un master alla Bocconi di Milano Francesco  rimane folgorato dalla musica di “Friday Night in San Francisco”, storico album di un trio chitarristico di  mostri sacri: Al Di Meola, John McLauglin, Paco De Lucia. Trovare la propria strada a 25 anni non è tardi se si  ha forza di volontà a sufficienza per proseguirla. Dopo le lezioni del maestro Gianni Cataleta, Francesco si  rende conto che la angusta mentalità della provincia foggiana gli stanno strette. Così si trasferisce a Londra,  città dispersiva ma dalle infinite opportunità. Ed è lì che brucia le tappe: nel 2006 si laurea in musica col  massimo dei voti alla Thames Valley University e vince subito il “Best Guitarist Award” al Guitar Institute; due  anni dopo gli viene assegnato il “Vice Chancellor’s Award”. Dal 2009 insegna tecnica di chitarra all’Accademia  di musica della Wolverhampton University. L’attività concertistica è intensa e tocca i cinque continenti, con  una media di 150 concerti all’anno, soprattutto nei jazz club d’Inghilterra e Stati Uniti. Oggi sulla soglia dei 40  anni Francesco ha una sua casa discografica e all’attivo ben 4 cd.

Ma gli manca l’Italia, dove una critica spesso distratta mostra aria di sufficienza nei confronti di quegli artisti  che non rientrano nei consueti “giri” di informazione. Così l’altra sera al noto “Musa Sapori Saperi”, un locale  di tendenza che abbina la cultura al buon cibo, si è verificato l’”evento” che Francesco attendeva: per la prima  volta ha suonato in Puglia. E quale poteva essere il suo partner migliore se non Mirko Signorile, dominatore della scena jazz barese (e non solo), e perfetto padrone di casa nell’accogliere Francesco e le sue composizioni. I due musicisti, come spesso accade nel jazz, non hanno avuto bisogno di “provare” molto: hanno raggiunto in breve tempo una intesa quasi perfetta. E insieme hanno superato brillantemente la prova del jazz club, quello in cui si riunisce un pubblico spesso esigente e qualificato, ma qualche volta anche un po’ distratto.

Il concerto è impostato essenzialmente sulle composizioni di Lo Castro più qualche “chicca” di Signorile.

Francesco opera una selezione accurata dai suoi quattro cd: “And Then There Was You” serve a creare la giusta atmosfera allacciando il feeling con il pubblico; “If I” sposta l’attenzione su lidi fantastici e carichi di suggestione. Le influenze di Joe Pass e di Jim Hall si avvertono a pelle con tutta la loro magia. E il suono della chitarra di Francesco si fa lirico, intenso, vellutato. Per ovvie ragioni le versioni in duo sono differenti dalle incisioni discografiche, ma soprattutto perché il jazz è improvvisazione. In duo ci sono meno strumenti, ma c’è più concentrazione e intensità. “Father” è un capolavoro di rara forza poetica, in cui il piano fa da introduzione prima e da tappeto sonoro poi; la chitarra disegna geometrie delicate e volatili che lasciano stupefatti.

La fusione fra la melodia italiana e gli armonici di stampo americano di cui parla Francesco, trovano in questo brano un esempio concreto. Mirko da parte sua propone “Canto de estrada”, che alza il ritmo, e “For a Film”, pezzo elegante e perfetto che la chitarra valorizza. “Ostinato” e “The Doll” sono il delizioso corollario che porta a “By Candlelight”, sofferta, struggente e bucolica. Si chiude in bellezza con “There Will Never Be Another You”, un classico sanguigno di Warren e Gordon, dove chitarra e pianoforte recitano un ruolo di primo piano.

Un concerto dove tecnica e raffinatezza sono andate a braccetto in perfetta sintonia. Ci si lascia con un sincero “arrivederci”, con la speranza che non sia lontano nel tempo.